ANNI ROMANI

Nel 1996 arrivo a Roma non proprio come Totò e Peppino a Milano ma quasi. Superato il test d’ammissione al neonato DAMS di Roma Tre mi ritrovo nel ristretto numero chiuso di 150 pischelli di belle speranze. Una sera al Teatro Valle  la folgorazione per Leo de Berardinis e il suo Lear Opera deciderà in un lampo il soggetto della mia tesi di laurea (sebbene la visione – soprattutto in video – degli spettacoli della Bausch e il parallelo studio di Brecht mi tentassero parallelamente nella direzione di un approfondimento sulle influenze di quest’ultimo nel teatro danzante di Pina). 110 e lode, relatore Prof. Franco Ruffini. In contemporanea : la scuola di recitazione ; un numero spropositato di laboratori e seminari coprenti ogni settore dello scibile attoriale ; un numero altrettanto insano di cortometraggi a cui mi presto diretta da aspiranti registi, studenti del Centro Sperimentale o semplicemente matti di passaggio ;  l’avvio di timidi passi nell’ambito del teatro di ricerca romanolaziale e del corroborante teatro ragazzi, che prevede sveglie all’alba, montaggio-smontaggio di scenografie e gite violente sul raccordo anulare a ritmo pressoché quotidiano.
Il salto nel mondo teatrale “mainstream” avviene nel 2004 con il primo ingaggio nella compagnia diretta da Glauco Mauri che mi sceglie prima per una sostituzione e poi come protagonista femminile nel corso di tre stagioni teatrali : ecco il confronto con la densità di personaggi come Sonja e Margherita, la bellezza di stare in scena ogni sera, la magia segreta dei teatri d’Italia, da quelli celebri ai più nascosti, piccoli gioielli incastonati nella provincia.
Nel contempo comincio ad auto-mettermi in scena, in veste solitaria monologante, chiamata dall’angoscia, dall’emergenza, dalla necessità di darmi un senso di cittadinanza all’interno della prassi teatrale aldilà dell’aleatorietà imperscrutabile delle chiamate esterne.
Il primo spettacolo a nascere da questo processo viene rodato all’interno di un minuscolo locale trasteverino (il TiDirò, che so oggi non esiste più) che mi da per la prima volta modo di sperimentare il confronto speciale che si attiva tra attore e spettatore nel momento in cui si è il responsabile unico della performance nel cerchio di uno spazio fortemente raccolto. Una dimensione che mi è congeniale nella sua rischiosità proprio per la quantità di sorprese (e dunque di momenti di verità scoperta) che può riservare ogni volta. Gaia, Terra di mezzo al Teatro dell’Orologio nel 2005 e Rebecca al TeatroinScatola nel 2008 sono le tappe successive.
Il “dorato” mondo del cinema invece mi ha sempre fatto gli scherzi e dal principio ad adesso è stato un rapporto fatto di promesse mancate e falsi appuntamenti : ho avuto occasione infatti finora di fare solo piccole partecipazioni in opere prime e seconde per giovani autori come Claudio Giovannesi  e Toni d’Angelo.

Confido il meglio debba ancora venire.

Meglio – imprevedibilmente – è andata in tv, dove Gianluca Tavarelli ne Il Giovane Montalbano mi ha consentito di interpretare in libertà un personaggio realistico – di donna vera – e di tratteggiarlo facendo a meno delle tinte stereotipate in voga sul piccolo schermo : precisamente il lavoro che amo fare.

(2014)

 

 

2014 “Opus Florentinum” Regia Giancarlo Cauteruccio

2014 “Alla velocità della luce” – Regia Giancarlo Cauteruccio

2014 “Pelle scorticata” – Regia Massimo Luconi
2012 “Closer” da P. Marbert  – Regia  Marco Tassotti
2010 “Natale 2004″ di  R. Testa -  Regia  Stefano Messina
2009 “Sibilla”  di  A. Bassetti – Regia  Antonio Spadaro
2008  “C’era una volta…”  da Le Mille e una notte – Regia Maurizio Scaparro
2007-2009  “Faust”  da W. Goethe  – Regia   Glauco Mauri
2006-2007  “Delitto e Castigo”   da F. Dostoevskij – Regia  Glauco Mauri
2004-2005  “Il Bugiardo” di  C. Goldoni – Regia  Glauco Mauri
2003 “Lelio”   di  H. Berlioz  – Regia  Michal Znaniecki
2000 “Dilidò″   da Aa. Vv. – Regia  Ilaria Drago
1999  ” Apparizioni 1″  da  Aa. Vv.   – Regia  Fabrizio Pallara
1998  “Don Chisciotte” da  Cervantes  – Regia  Max Balasz
1997   “Il ritorno di Ulisse”   da  Omero/Joyce/Perec  -  Regia  Max Balasz

Teatro Ragazzi

2001   “La Pentola” da Plauto – Regia Valentina de Renzis
2002   “Qui comincia l’avventura..”  da S. Tofano – Regia  Valentina de Renzis
2004   “La magica scuola dei sogni”  di M. E. Carosella  -  Regia  Maria Elena Carosella
2010-13 allestimenti vari  a cura del collettivo Crescere Insieme

Reading

1999    “GUERA!”  Azione di strada ideata e diretta da Mario Casale
2007    “Che cos’è l’amore”  dall’epistolario Aleramo/Campana con Alessio Venturini
2010    “La passione di Maria”  di  R. M. Rilke con Omero Antonutti
2011    “Il corpo delle donne”   da L. Zanardo
“Vero e Falso – Eresie e consigli sensati per l’attore” da D. Mamet
e altre letture offerte durante i primi mesi di vita del Teatro Valle Occupato

2014    “Un viaggio chiamato amore” dal carteggio Aleramo/Campana con Roberto Latini

Corti

2013 “Regalami un sorriso” Regia Consuelo Pascali
2013 “La passione degli Endrighi” Regia Maurizio Milo
2007  “Condoland”  Regia Luca Motolese e Alessandro Scavone
2004 “Ed ecco le viole” Regia Francesco Startari
2003 “X Y”  Regia Marina Ricciardi
2002 “SS 148″ Regia  Tommaso Valente
2001 “Il Varco” Regia Alessio Billi e Massimiliano Griner
2001 “Un pò d’intimità” Regia Fabio del Greco
2000 “Perchè tu mi oda” Regia Pierpaolo de Minicis
1999 “Lo Straniero”Regia Cristina Arnone
1999 “Nero e con poco zucchero” Regia Fabrizio Livigni
1998 “Le fate” Regia Roberto di Tanna e Tommaso Valente

Lungometraggi

2011 “L’innocenza di Clara” Regia di Toni d’Angelo
2010 “Maternity Blues” Regia di Fabrizio Cattani
2007 “La casa sulle nuvole” Regia di Claudio Giovannesi
2001 “Il caso Cindy S.” Regia di Leonardo Rossi

Fiction

2012 “Viaggio a…” Regia di Bernardo Nuti
2011 “Il Giovane Montalbano” Regia di Gianluca Tavarelli
2007 “Carabinieri 7 ” Regia di Alessandro Cane e Raffaele Mertes
2006 “La stagione dei delitti 2″  Regia di Donatella Maiorca
2001 “Orgoglio”  Regia di Giorgio Serafini
1998 “Vallechiara ”  Regia di Alessandro Capone

 

Pubblicità

2001 Bancoposta
1997 Orologi Nice

 

2012 Roan Johnson
2010 Sergio Rubini

2011 Elisabetta Pozzi La Voce poetica amplificata
2011 Bruno de Franceschi La Voce
2011 Andrea Pangallo Fondamenti di Commedia dell’Arte
2009 Cristina Pezzoli Madame de Sade
2009 Valerio Binasco Romeo and Juliet
2008 Maurizio Scaparro Le mille e una notte
2008 Geraldine Baron Metodo Strasberg
2004 John Sperry Tecnica Meisner
2004 Riccardo de Torrebruna / Pierfrancesco Favino Metodo Strasberg
2004 Josè Sanchis Sinisterra La drammaturgia dell’attore
2003-2004 Renato Carpentieri Il mondo di Shakespeare
2003 Gustavo Frigerio Tecniche d’improvvisazione
2002 Pietro Babina e Fiorenza Menni – Teatrino Clandestino
2001 Marco Martinelli – Le Albe Sogno di una notte di mezza estate
2000 Marco Martinelli – Le Albe Orlando innamorato
1999 Iben Nagel Rasmussen – Odin Teatret Il corpo, la voce
1998 Julie Stanzak – Wuppertaler Tanz Theater La composizione coreografica
1997 Cathy Marchand – Living Theatre La Peste di Camus

1997 “Studio su Santa Teresa d’Avila”  da Santa Teresa D’ Avila – Cesar Corrales
1997 “Carmen” da P.Merimèe) – Cesar Corrales
1998 “Il malinconico frivolo da Anatol di A.Schnitzler – Giorgina Cantalini
1998 “Cenerentola” – Cesar Corrales

1997 Teatro Potlach
1998  – Pippo Delbono
1999 – Danio Manfredini
2000 – Eugenio Barba
2002 – Marco Baliani

Pagina aggiornata al 2014 – Per le nuove : CALENDARIO / Curriculum